24.1.13

i Gołąbki

I (letteralmente) " gouombki "
In Polonia sono un piatto tipico. La traduzione è "piccioni".
Sono involtini di carne (e riso), ma vi assicuro che non è quella di piccioni!
E sinceramente non credo che questa variante esista :)


Noi a casa ne mangiamo spesso e volentieri.
A casa.
E' passato quasi un anno da quando ne mangiato uno, anzi 10 e per una settimana intera.
Si sa che le nonne  fanno quantità super abbondanti di cibo, per amici, nipoti, vicini di casa...
Ma la mia di nonna (ve la ricordate vero? :)) fa quantità superstraenormementeeinfinitivamente abbondanti di cibo anche per due persone, che alla fine sono costrette a mangiare involtini per una settimana.
Il cibo non si spreca!

Eccerto!!
Dopo che fai un kg di crepe per colazione utilizzando 1 kg e mezzo di farina sempre per due persone (che alla fine sono costrette a mangiare crepe a colazione e involtini di verza a pranzo e a cena)...hai pure il coraggio di dire che non si spreca!!
E vabbé..
Le nonne alla fine le apprezziamo anche per questo no?
Si preoccupano ardentemente per te solo perché vuoi un involtino in meno sul piatto...e ti fanno sentire la persona più terribile del mondo proprio perché non apprezzi un altro involtino sul piatto!
Sono ottimi ve lo dico e ripeto, su questo non si discute, quindi provateli se non l'avete ancora fatto, ma cercate di non esagerare ;)

La ricetta è quella della nonna (si era capito?)
In base alla regione (polacca) cambia la modalità di preparazione, c'è chi per esempio la mette in forno, chi no, chi usa il riso e chi non lo aggiunge, chi non mette il pomodoro o chi soffrigge prima la cipolla.

Potete variare in base ai proprio gusti ovviamente, io però il riso ve lo consiglio, il ripieno sarà più morbido e decisamente più gustoso.

Gołąbki
(involtini polacchi di cavolo con carne e riso)


Ingredienti:

1 cavolo (o verza)
carne macinata di maiale (o quella che preferite)
2 uova piccole
mollica di pane
latte qb
passata di pomorodo o fior di filetti (Cirio)
1 bicchiere non pieno di riso (Acquerello)
pancetta a dadini (a piacere)
1/2 cipolla
paprika e lauro
sale (Gemma di Mare)
pepe


Aiutandovi con un coltello togliete il cuore del cavolo.
Per cuocere le foglie potete agire in due modi:
- cuocete il cavolo intero (precedentemente lavato e tolto le foglie esterne) in abbondante acqua salata e bollente. Scolatelo e togliete le foglie una ad una (la maggiorparte si staccheranno da sole);
-togliete le foglie prima della cottura, lavatele e sbollentatele in acqua salata e lasciatele scolare.
Fate attenzione a non romperle.

Fatto questo passaggio, togliete dalle foglie la parte dura, le nervature più grosse.

A parte in una ciotola mescolate la carne come quando fate le polpette, le uova, una alla volta, la mollica di pane (che avrete bagnato con del latte e strizzato), la cipolla a pezzettini, paprika, sale e pepe.
Aggiungete al composto il riso precedentemente lessato (ma non stra-cotto! Cioè toglietelo 5 minuti prima della cottura definitiva) e aiutandovi con le mani formate un impasto compatto.

Su ogni foglia mettete una manciata di ripieno e chiudete la foglia ad involtino, ricordandovi di piegare i lati esterni all'interno, come un pacchetto.

Sul fondo di un tegame mettete le foglie di cavolo avanzate (anche quelle rotte) e posizionate gli involtini uno al fianco dell'altro.
Versate dell'acqua fino a ricoprirli a metà, aggiungete il pomodoro,a pancetta e un po' di lauro.
Lasciate cuocere per una 40ina di minuti a fuoco medio-basso.



Vi piace la versione carnevalesca di Lamponi & tulipani? :)



Alla prossima,






35 commenti:

  1. Marty é una ricettina davvero saporitaaaa!!! Mi piace e la segno subito!!!! Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Imma! Mi farebbe piacere se la provassi :)
      Un bacione

      Elimina
  2. le nonne sono fantastiche! la mia si preoccupava sempre di quello che mangiavo! appena arrivavo da lei la prima domanda che mi faceva era:"che ha mangiato oggi?". aspettavo questa ricetta da quando l'hai postata su fb l'altro giorno, adesso li devo provare per forza!:D e per rispondere alla tua domanda: si, mi piace moltissimo la versione carnevalesca del banner!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rebecca si infatti mi ha fatto piacere vedere che ti sono piaciuti dalla prima foto :D provali ;)
      Grazie mille!! Meno male...è leggermente infantile, ma carnevale è bello anche per questo no? :)

      Elimina
  3. Ricetta interessante! Mi piace quando ci sono le "ricette dei ricordi" :) Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io le adoro :)
      Grazie cara, buona giornata anche a te!

      Elimina
  4. Questi li prepara sempre una zia aquisita dell'Assistente, ma se devo essere sincera lei non è proprio molto brava, e sono al limite dell'immangiabile... Ho sempre pensato che nella loro versione originale dovessero essere davvero buoni (ma visti i risultati ben mi sono guardata del chiedere a lei la ricetta...).
    Ora grazie a te li proverò in versiona BUONA!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Dani poverina!! Si si provali...non te ne pentirai ;)

      Elimina
  5. Ma che bella ricetta...mi ricorda gli involtini di verza. Me la segno!

    RispondiElimina
  6. Se non ci fossero le nonne bisognerebbe inventare!!! Che bontà' questi involtini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Mariangela...per fortuna esistono ;)

      Elimina
  7. Devo dire che mi invoglia all'assaggio! Gnam:)A presto cara!

    RispondiElimina
  8. Grazie mille, mi ispirano tantissimo!!!!!!! Buona serata :-)
    PS: io non ho la nonna ma ho mia mamma che ha questa filosofia... eh eh eh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe allora sei fortunata comunque :))
      Grazie a te per l'opportunità!

      Elimina
  9. Ciao!
    Purtroppo non puoi partecipare al mio contest, in quanto il tema riguarda gli involtini primavera.
    Come ho già spiegato a un'altra che voleva partecipare, la ricetta deve avere come base la pasta che serve per fare gli involtini primavera. La fantasia del/la cuoco/a sta nel ripieno da inserire dentro tale pasta (o pasta simile, basta ottenere lo stesso risultato =) ), che può essere dolce o salata =)

    Se vuoi partecipare al mio contest, puoi sempre inserire il ripieno di questi involtini nelle cialde di riso, ingrediente base per gli involtini primavera e rilinkarmi la ricetta =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Mi dispiace, non avevo capito proprio! Proverò a partecipare con un' altra ricetta!
      Grazie comunque :)

      Elimina
    2. Tranquilla e grazie a te per voler partecipare al mio contest ;)

      Elimina
  10. Buoniiii :D Complimenti, sono davvero molto invitanti! :) Un abbraccio, buona serata :) :*

    RispondiElimina
  11. Come tutte le ricette della nonna, quest non fa eccezione ed è molto buona. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Sono un punto di riferimento, per fortuna! :)

      Elimina
  12. Se mi assicuri che i piccioni non c'entrano niente li provo ^^

    RispondiElimina
  13. Oh li adoravo, golubci in russo. Si fanno anche "stufare" con il ragu di pomodoro

    RispondiElimina
  14. Ciao!! Vuoi partecipare alla nostra nuova rubrica "In cucina con te"?? E' molto semplice: fai la tua ricetta, la fotografi e ci mandi il tutto! La pubblicheremo a tuo nome!
    Una nuova collaborazione per un po' di pubblicità a te e a me.
    Per maggiori info http://www.deliziandovi.it/2013/01/in-cucina-con-te/

    Elisa, www.deliziandovi.it

    RispondiElimina
  15. che bello questo blog!!!complimenti!ci sono capitata per vie traverse ma mi sono unita!passa a trovarmi se ti va! ciau!

    RispondiElimina
  16. Me ne ha parlato una mia amica: devono essere buonissimi :D

    RispondiElimina
  17. Ciao Martina! Io conosco bene GOLUBKI perché è un piatto tradizionale (solo di inverno) anche nel mio paese di origine, Repubblica Macedonia. Si chiama SARMA (sin.) o SARMI (pl.), ha steso metodo di preparazione (involtini di crauti con carne e riso, con finitura in forno e aggiunta della pancetta affumicata! Che bello scoprire i piatti degli altri nazioni, è un viaggio con la mente e il gusto!:)

    RispondiElimina
  18. :) mi collego al post di Emily , nel suo paese d'origine si chiamano sarma...in Romania e Repubblica Moldova si chiamano SARMALE .
    Sono quasi sempre fatte con foglie di vite ma anche con cavolo -verza bianco.
    Si preparano con ciolan(pancetta affumicata con osso),e si gustano sia con la mamaliga(polenta) o con smantana(panna acida).

    RispondiElimina
  19. Che bello ragazze, grazie per tutte queste info.!! Mi fa sempre piacere scoprire cose nuove (sul cibo poi) di altri paesi! Anche in Polonia si gustano con la panna acida, ma questa usanza varia in base alle persone e alle regioni :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  20. Sono molto simili alla "sarme" della cucina serba, buonissimi!Sei stata bravissima perché sei riuscita a farli anche molto molto belli, direi perfetti :) Ps: viva le nonne!

    RispondiElimina